Confimi Sicilia
       ||       Elezioni in Polonia, la destra di Kaczynski conserva la maggioranza assoluta       ||       Barcolana, vince Vincec l’edizione della bonaccia       ||       Cir respinge l’offerta di Carlo De Benedetti per strappare Gedi ai figli. Rodolfo: «Sono sconcertato»       ||       Manovra, caccia finale a 2,5 miliardi: partita aperta su pensioni, compensazioni Inps e manette evasori       ||       Milano-Roma: numeri di due città a confronto       ||       Riscaldamento in condominio: così controlli, spese e risparmi       ||       Siria, i turchi prendono Tel Abyad: reporter uccisi. Rischio 400mila sfollati       ||       UniCredit precisa: tassi negativi oltre quota un milione di euro       ||       Manovra, Di Maio riunisce i ministri M5S. Stasera vertice di maggioranza e domani Cdm       ||       Cuneo fiscale, il taglio si estende ai redditi fino a 35mila euro       ||       Libra, fa paura una valuta gestita da privati       ||       Le fonti rinnovabili invertono la marcia. Boom di nuovi impianti       ||       Tariffe a 28 giorni e modem dell’operatore, quali diritti per gli utenti: chiariamo tutti i dubbi       ||       Mutui subprime 2.0: negli Usa tornano i prestiti ad alto rischio       ||       Italia-Brasile e la leggenda degli eroi dell’82       ||       F1, secondo posto amaro per Vettel in Giappone: vince Bottas       ||       Al via lunedì 14 ottobre il nuovo sito di Radio 24       ||       Più collaborazione sociale per evitare la fuga dei giovani dall’Italia       ||       Le 5 citycar più sfiziose e i 5 suv cittadini più trendy       ||       Hard Brexit, è allarme nel porto più grande d’Europa: rischia anche l’Italia?       ||       Comuni e Province senza autovelox sulle superstrade       ||       Riparte lo shopping della Fed, ecco perché non può farne a meno       ||       Renzi, 3 simboli per Italia Viva:?il più votato sarà quello definitivo       ||       Pesca, tra Italia e Spagna scoppia la guerra delle vongole       ||       Stipendi: da Eni, Enel alla Juventus, la top ten delle società in Italia che pagano di più il Ceo       ||       Nei paradisi fiscali nascosti dagli italiani 142 miliardi (l’8,1% del Pil)       ||       Esselunga, la corsa dei 180mila alla ricerca del posto fisso. In lizza per 3mila assunzioni

 

CREDITO D’IMPOSTA SUD 2018 PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVI INVESTIMENTI

 


CREDITO D’IMPOSTA SUD 2018 PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVI INVESTIMENTI

 

Bonus investimenti 2018 Mezzogiorno, cos’è e come funziona, requisiti, aliquote e come poterlo richiedere.

Credito d’imposta beni strumentali nuovi 2018, è un’agevolazione prevista dalla precedente Legge di Stabilità per gli anni 2016, 2017, 2018 e 2019 a favore delle imprese, indipendentemente dalla forma giuridica e dalle dimensioni, che effettuano nuovi investimenti, destinati a strutture produttive ubicate nelle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo, a decorrere dall’1.1.2016 e fino al 31.12.2019 (anni 2016-2019, per i soggetti “solari”).

Il bonus investimenti 2018 Mezzogiorno è valido per gli investimenti realizzati dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019.

Per fruire del credito d’imposta, le imprese interessate al bonus, devono presentare all’Agenzia delle Entrate un modello di domanda nel quale devono essere indicati i dati degli investimenti agevolabili e del credito d’imposta del quale è richiesta l’autorizzazione alla fruizione. L’Agenzia delle entrate, con un provvedimento ad hoc, ha provveduto ad approvare il nuovo modello Bonus investimenti Sud 2018 che serve alle imprese a manifestare la volontà di adesione e fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno. Il modello, come sempre, è disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate ed è utilizzabile a partire dall’11 gennaio 2018.

Il beneficiario può utilizzare il credito d’imposta maturato solo in compensazione presentando il modello F24 esclusivamente tramite Entratel o Fisconline, pena il rifiuto dell’operazione di versamento, a partire dal quinto giorno successivo alla data di rilascio della ricevuta attestante la fruibilità del credito d’imposta.

Ambito territoriale
Il credito d’imposta spetta per l’acquisizione di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate:

- nelle zone assistite delle Regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, ammissibili alle deroghe previste dall’art. 107 § 3 lett. a) del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE);
- nelle zone assistite delle Regioni Molise, Sardegna e Abruzzo, ammissibili alle deroghe pre-viste dall’art. 107 § 3 lett. c) del TFUE.

Soggetti esclusi
L’agevolazione non spetta ai soggetti che operano nei seguenti settori:

- industria siderurgica e carbonifera;
costruzione navale;
- fibre sintetiche;
- trasporti e relative infrastrutture;
- produzione e distribuzione di energia e infrastrutture energetiche;
- creditizio, finanziario e assicurativo.

Investimenti agevolabili

Sono agevolabili gli investimenti:

- facenti parte di un progetto di investimento iniziale (sono esclusi gli investimenti di mera sostituzione);
- relativi all’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio agevolato (sono esclusi i beni immateriali, gli immobili e i veicoli).
Requisiti

I beni agevolabili devono essere:

- strumentali all’attività d’impresa;
- nuovi;
- destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio agevolato.


Sono agevolabili gli investimenti effettuati mediante:

- acquisto da terzi;
- leasing;
- contratto di appalto;
-realizzazione in economia.

Determinazione dell’agevolazione

Il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del:

- 45% dell’investimento netto, per le piccole imprese;
- 35% dell’investimento netto, per le medie imprese;
- 25% dell’investimento netto, per le grandi imprese.


La quota di costo complessivo dei beni agevolabili deve essere al massimo pari, per ciascun progetto di investimento, a:

- 1,5 milioni di euro, per le piccole imprese;
- 5 milioni di euro, per le medie imprese;
-15 milioni di euro, per le grandi imprese.

Scarica il modello dell’Agenzia delle Entrate per manifestare la volontà di adesione e fruizione del credito d’imposta:

https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Schede/Agevolazioni/Credito+di+imposta+per+gli+investimenti+nel+Mezzogiorno/Modello+Inv+Mezzogiorno+2016/?page=creditiimp

 

« Guarda tutte le novità

 

rassegna stampa giornaliera

 


 

 

 

aniem sicilia

 

coseam sicilia

 

Edilcassa Sicilia

 

Acquisti in rete

 

Click Lavoro

 

Confimi Industria Sicilia

Viale Vittorio Veneto, 267 - 95127 Catania
telefono +39 333 41.81.132      email confimisicilia@confimi.it | confimisicilia@confimi.it