Confimi Sicilia
       ||       Barcolana, vince Vincec l’edizione della bonaccia       ||       Cir respinge l’offerta di Carlo De Benedetti per strappare Gedi ai figli. Rodolfo: «Sono sconcertato»       ||       Manovra, caccia finale a 2,5 miliardi: partita aperta su pensioni, compensazioni Inps e manette evasori       ||       Milano-Roma: numeri di due città a confronto       ||       Polonia, elezioni in corso: in pole la destra sovranista di Kaczynski       ||       Riscaldamento in condominio: così controlli, spese e risparmi       ||       Siria, i turchi prendono Tel Abyad: reporter uccisi. Rischio 400mila sfollati       ||       UniCredit precisa: tassi negativi oltre quota un milione di euro       ||       Manovra, Di Maio riunisce i ministri M5S. Stasera vertice di maggioranza e domani Cdm       ||       Cuneo fiscale, il taglio si estende ai redditi fino a 35mila euro       ||       Libra, fa paura una valuta gestita da privati       ||       Le fonti rinnovabili invertono la marcia. Boom di nuovi impianti       ||       Tariffe a 28 giorni e modem dell’operatore, quali diritti per gli utenti: chiariamo tutti i dubbi       ||       Mutui subprime 2.0: negli Usa tornano i prestiti ad alto rischio       ||       Italia-Brasile e la leggenda degli eroi dell’82       ||       F1, secondo posto amaro per Vettel in Giappone: vince Bottas       ||       Al via lunedì 14 ottobre il nuovo sito di Radio 24       ||       Più collaborazione sociale per evitare la fuga dei giovani dall’Italia       ||       Le 5 citycar più sfiziose e i 5 suv cittadini più trendy       ||       Hard Brexit, è allarme nel porto più grande d’Europa: rischia anche l’Italia?       ||       Comuni e Province senza autovelox sulle superstrade       ||       Riparte lo shopping della Fed, ecco perché non può farne a meno       ||       Renzi, 3 simboli per Italia Viva:?il più votato sarà quello definitivo       ||       Pesca, tra Italia e Spagna scoppia la guerra delle vongole       ||       Stipendi: da Eni, Enel alla Juventus, la top ten delle società in Italia che pagano di più il Ceo       ||       Nei paradisi fiscali nascosti dagli italiani 142 miliardi (l’8,1% del Pil)       ||       Esselunga, la corsa dei 180mila alla ricerca del posto fisso. In lizza per 3mila assunzioni

 

Chi Siamo

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

 


Per una nuova Rappresentanza.
L’impegno degli industriali per salvare il Sistema Manifatturiero Italiano

CONFIMI INDUSTRIA - Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata - già CONFIMI IMPRESA, è la Confederazione datoriale nata il 5 dicembre 2012 e guidata da Paolo Agnelli.

CONFIMI INDUSTRIA aggrega diverse Associazioni territoriali ed Associazioni di Categoria fuoriuscite da altri sistemi associativi soprattutto dal sistema Confapi, e da Confindustria, ed è rappresentativa dei più importanti settori produttivi. Rappresenta circa 28 mila imprese per 410 mila dipendenti con un fatturato aggregato di 71 miliardi di euro. È presente sul territorio nazionale con 22 associazioni territoriali e 4 associazioni nazionali di Categoria con circa 350 funzionari al servizio delle imprese.

CONFIMI INDUSTRIA nasce dalla necessità di rappresentare e di salvaguardare in Italia il mondo e le esigenze reali del settore manifatturiero che ha contraddistinto la fortuna e il benessere del nostro Paese riposizionandone il ruolo per far sì che esso si riappropri della parte che le compete: quella di creare lavoro, ricchezza e benessere per il territorio in cui vive, per i lavoratori e per le loro famiglie.

In CONFIMI INDUSTRIA sono rappresentate radicate imprese italiane manifatturiere e delle attività ad esse collegate, che si pongono come primo obiettivo quello di tornare ad essere “la voce” degli imprenditori in grado di rispondere concretamente alle esigenze dei propri associati.

Il primo agosto del 2013 Confimi Industria ha ottenuto il riconoscimento sindacale da parte di CGIL, CISL e UIL con il quale è diventato soggetto contrattuale ed è già firmataria di principali contratti collettivi nazionali di lavoro quali ad es. contratto dell’ industria manifatturiera metalmeccanica e della installazione di impianti, del legno-sughero-arredo, dell’ industria edile e affini, escavazione, lapidei, laterizi.

CONFIMI INDUSTRIA è abituale interlocutore riconosciuto dalla politica a livello governativo e parlamentare; è audita dalle Commissioni della Camera e del Senato come ne è dimostrazione l’audizione dello scorso novembre avvento a Commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato sulla Legge di Stabilità.

CONFIMI INDUSTRIA siede ai principali tavoli ministeriali quali ad esempio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero delle Politiche Agricole, del Ministero dell’Economia e Finanze, del Ministero del Lavoro, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Siede al tavolo operativo delle PMI del MISE. Siede ai tavoli e dialoga concretamente con Abi (Associazione Bancaria Italiana); con l’Agenzia delle Entrate e con l’Agenzia delle Dogane per costruire opportunità concrete per la costellazione delle PMI rappresentate, spina dorsale dell’economia italiana.

CONFIMI INDUSTRIA, nell’ottica inoltre di rafforzare il carattere d’internazionalizzazione delle PMI manifatturiere, ha siglato protocolli con organizzazioni quali SACE, ICE, SIMEST componenti della Cabina di Regia dell’internazionalizzazione governativa. Di questa attività ad esempio ne sono concreta dimostrazione le Missioni istituzionale ed economiche, in Macedonia nel 2015 e a Cuba nel 2016.

 


 

 

 

rassegna stampa giornaliera

 


 

 

 

aniem sicilia

 

coseam sicilia

 

Edilcassa Sicilia

 

Acquisti in rete

 

Click Lavoro

 

Confimi Industria Sicilia

Viale Vittorio Veneto, 267 - 95127 Catania
telefono +39 333 41.81.132      email confimisicilia@confimi.it | confimisicilia@confimi.it