Confimi Sicilia
       ||       Mercatone Uno, ultima beffa: niente rimborso a 10.500 clienti che hanno versato 4,5 milioni       ||       Ex Ilva in bilico tra piano, esuberi e Procura       ||       Africa, Marocco apripista per il 5G ma i tempi di sviluppo sono lunghi       ||       Ielo: «Aumentare le pene? Non serve a ridurre l’evasione fiscale»       ||       Borse tra il battesimo di Lagarde, la riunione della Fed e le elezioni inglesi       ||       Manovra, Robin Tax, 3,5% solo sui trasporti. Impresa 4.0 con credito d’imposta       ||       Addio a Giuseppe Frigo, in prima fila nelle battaglie per il garantismo       ||       Acqua, decolla la Spa pubblica (o mista) al Sud       ||       Manovra, Gualtieri: «Casa, no alla stretta Imu». Ipotesi sgravi per chi assume lavoratori ex Ilva       ||       Polizze agricole in crescita, ma il 90% dei campi non è assicurato       ||       Orfane femminicidio, l’Inps chiede maxi risarcimento. Interviene Mattarella       ||       È Napoli la città più «dolce» d’Italia: prima per imprese. La classifica       ||       La banana da 120 mila dollari di Cattelan l’ha mangiata Datuna       ||       Lufthansa, per l’acquisto di Alitalia servono 18 mesi       ||       Affitto, dalla durata agli studenti arriva la «Guida» per i contratti lunghi       ||       Dal calcio al nuoto, 250 milioni alle Federazioni. Ecco chi guadagna di più       ||       Addio a Piero Terracina, uno degli ultimi sopravvissuti ad Auschwitz       ||       Corporate America, debito record da 10mila miliardi       ||       Noi e loro. Le cause, le conseguenze e i rimedi dei conflitti tra gruppi       ||       Regionali: dopo l’intesa Salvini-Cav-Meloni, per il Pd il nodo dell’alleanza con i renziani       ||       Prima della Scala, per la Tosca un trionfo da oltre 15 minuti di applausi       ||       Dalle dichiarazioni ai tributi locali, le scadenze che il Fisco deve rispettare       ||       Rc auto, ecco i 12 siti truffa che vendono assicurazioni false       ||       Fotocamera, microfono e stream deck: ecco cosa regalare a Natale agli aspiranti influencer       ||       Google e le altre, sfida agli Eldorado del cloud e del fintech

 

Chi Siamo

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

 


Per una nuova Rappresentanza.
L’impegno degli industriali per salvare il Sistema Manifatturiero Italiano

CONFIMI INDUSTRIA - Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata - già CONFIMI IMPRESA, è la Confederazione datoriale nata il 5 dicembre 2012 e guidata da Paolo Agnelli.

CONFIMI INDUSTRIA aggrega diverse Associazioni territoriali ed Associazioni di Categoria fuoriuscite da altri sistemi associativi soprattutto dal sistema Confapi, e da Confindustria, ed è rappresentativa dei più importanti settori produttivi. Rappresenta circa 28 mila imprese per 410 mila dipendenti con un fatturato aggregato di 71 miliardi di euro. È presente sul territorio nazionale con 22 associazioni territoriali e 4 associazioni nazionali di Categoria con circa 350 funzionari al servizio delle imprese.

CONFIMI INDUSTRIA nasce dalla necessità di rappresentare e di salvaguardare in Italia il mondo e le esigenze reali del settore manifatturiero che ha contraddistinto la fortuna e il benessere del nostro Paese riposizionandone il ruolo per far sì che esso si riappropri della parte che le compete: quella di creare lavoro, ricchezza e benessere per il territorio in cui vive, per i lavoratori e per le loro famiglie.

In CONFIMI INDUSTRIA sono rappresentate radicate imprese italiane manifatturiere e delle attività ad esse collegate, che si pongono come primo obiettivo quello di tornare ad essere “la voce” degli imprenditori in grado di rispondere concretamente alle esigenze dei propri associati.

Il primo agosto del 2013 Confimi Industria ha ottenuto il riconoscimento sindacale da parte di CGIL, CISL e UIL con il quale è diventato soggetto contrattuale ed è già firmataria di principali contratti collettivi nazionali di lavoro quali ad es. contratto dell’ industria manifatturiera metalmeccanica e della installazione di impianti, del legno-sughero-arredo, dell’ industria edile e affini, escavazione, lapidei, laterizi.

CONFIMI INDUSTRIA è abituale interlocutore riconosciuto dalla politica a livello governativo e parlamentare; è audita dalle Commissioni della Camera e del Senato come ne è dimostrazione l’audizione dello scorso novembre avvento a Commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato sulla Legge di Stabilità.

CONFIMI INDUSTRIA siede ai principali tavoli ministeriali quali ad esempio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero delle Politiche Agricole, del Ministero dell’Economia e Finanze, del Ministero del Lavoro, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Siede al tavolo operativo delle PMI del MISE. Siede ai tavoli e dialoga concretamente con Abi (Associazione Bancaria Italiana); con l’Agenzia delle Entrate e con l’Agenzia delle Dogane per costruire opportunità concrete per la costellazione delle PMI rappresentate, spina dorsale dell’economia italiana.

CONFIMI INDUSTRIA, nell’ottica inoltre di rafforzare il carattere d’internazionalizzazione delle PMI manifatturiere, ha siglato protocolli con organizzazioni quali SACE, ICE, SIMEST componenti della Cabina di Regia dell’internazionalizzazione governativa. Di questa attività ad esempio ne sono concreta dimostrazione le Missioni istituzionale ed economiche, in Macedonia nel 2015 e a Cuba nel 2016.

 


 

 

 

rassegna stampa giornaliera

 


 

 

 

aniem sicilia

 

coseam sicilia

 

Edilcassa Sicilia

 

Acquisti in rete

 

Click Lavoro

 

Confimi Industria Sicilia

Viale Vittorio Veneto, 267 - 95127 Catania
telefono +39 333 41.81.132      email confimisicilia@confimi.it | confimisicilia@confimi.it